Acquario in casa: il luogo ideale dove posizionare la vasca

pesciolino-tondo.png

Avere un acquario in casa comporta numerosi vantaggi da un punto di vista estetico: questa soluzione infatti, permette di creare un vero e proprio angolo naturale tra le mura domestiche, dotato di elevata bellezza e di un grande impatto visivo.

La cura di un acquario, negli ultimi tempi, è sempre più apprezzata come hobby, poiché l’acqua e in generale l’ambiente marino o fluviale hanno la capacità di infondere nell’animo delle persone serenità e benessere.

Esistono però diversi dubbi legati a questa particolare attività, motivo per cui spesso molti vi rinunciano semplicemente per mancanza di informazioni.

Se hai già preso in considerazione l’idea di allestire un acquario in casa, certamente hai valutato il problema della posizione.

Se possiede una casa piccola, potrebbe sembrare difficile trovare il posto dove posizionare la vasca e le diverse parti a essa collegate, come ad esempio la pompa e l’aeratore.

Si sa, inoltre, che un acquario deve stare lontano da fonti di calore intenso, dai rumori eccessivi, dalle correnti d’aria e dagli spazi pieni di fumo. Ciò porterebbe ad escludere la cucina, i punti troppo vicini alle finestre e le stanze dove sono presenti televisioni o impianti stereo.

Un altro dubbio frequente riguarda il mobile su cui va poggiata la vasca, il quale deve essere selezionato non solo in base alla sua altezza, ma anche al materiale con cui è fabbricato: c’è il rischio che esso si rovini a causa dell’umidità o che addirittura si incrini, considerando il peso degli acquari più grandi.

La scelta, dunque, va effettuata tenendo in considerazione questo ulteriore fattore.

In generale, è importante porsi delle domande, anche banali, prima di intraprendere l’hobby dell’acquariofilia.

È essenziale effettuare delle valutazioni preliminari e informarsi nel modo migliore al riguardo, perché sarà più difficile tornare indietro una volta comprata e posizionata la vasca.

È fondamentale adottare una serie di provvedimenti finalizzati alla salute e al benessere dei pesci, i quali devono vivere in un ambiente sereno, con la giusta illuminazione e caratterizzato da ogni possibile comfort.

Nonostante tutte le premesse appena elencate, considerate sempre che ogni casa ha potenzialmente il posto perfetto per una vasca e per le strumentazioni connesse.
L’importante è selezionare un punto in cui i pesci potranno ricevere la luce in modo indiretto, senza risentire degli sbalzi di temperatura e di un’illuminazione eccessiva.

L’ideale sarebbe uno spazio situato lateralmente rispetto a una finestra: ogni casa ne possiede uno, soprattutto in locali come il salotto, lo studio o una semplice zona destinata al relax o comunque non molto trafficata, ma comunque un luogo dove si possa poi apprezzare la visione della la vasca.

In fondo, uno degli obiettivi dell’acquario domestico consiste nel valorizzare e impreziosire la stanza in cui esso viene collocato, ragion per cui il fattore estetico non va mai messo in secondo piano.

Un altro aspetto da considerare è la presenza nei paraggi di una presa per la corrente, in modo da evitare scomode prolunghe per il collegamento degli impianti di termoriscaldamento, filtro, pompa e così via.

Non bisogna dimenticare che la vasca non deve in nessun caso stare vicina a una fonte di calore artificiale, come un termosifone o una stufetta: simili oggetti danneggerebbero in maniera irreversibile la salute dei pesci, poiché darebbero vita a condizioni climatiche sfavorevoli e influenzerebbero negativamente la temperatura dell’acqua.

La temperatura deve essere il più possibile naturale, uniforme a seconda del periodo dell’anno, non condizionata da elementi esterni.

In aggiunta, è indispensabile non collocare l’acquario nei pressi delle porte, in quanto l’ingresso improvviso di una persona nella stanza potrebbe causare stress ai pesci e, a lungo andare, provocare loro problemi di salute.

Seguendo queste regole elementari, potrai disporre del tuo acquario personale e conservarlo nelle migliori condizioni, così da arricchire la tua casa con un autentico tocco di eleganza.

Una volta individuato il punto ideale, tenendo presente tutti questi piccoli accorgimenti, non sarà difficile gestire la vasca e occuparsi della sua manutenzione.

Non vi sono abitazioni sconsigliate per questo hobby: più che altro è importante trovare la giusta collocazione, obiettivo facilmente raggiungibile grazie a questi semplici suggerimenti.

Alcune vasche possiedono un mobile incorporato, altre invece vanno posizionate su un supporto adeguato. A tal proposito, devi scegliere un ripiano realizzato in materiali resistenti all’umidità, come l’acciaio inossidabile, oppure trattati con appositi prodotti idrorepellenti e impermeabilizzanti.

In caso contrario il mobile potrebbe cedere, compromettendo in questo modo la stabilità e l’integrità dell’acquario.

Può essere utile collocare tra la vasca e la superficie sottostante uno strato intermedio, ad esempio di polistirolo, per evitare il contatto diretto.

È fondamentale che il supporto poggi su un tipo di pavimento adeguato: bisogna evitare il parquet, sul quale la pressione dell’acqua risulterebbe eccessiva, portando magari a spostamenti indesiderati.

Da escludere a tutti i costi sono i mobili non fissi, come quelli dotati di rotelle, che renderebbero l’acquario decisamente instabile. La falsa idea che si possa spostare con facilità una vaca piena, viene a svanire quando ci si ritrova con il suo peso decisamente notevole che non si era valutato.

Qualora ti rendessi conto, nonostante tutto, di non avere spazio in casa per il tuo hobby, allora potresti ripiegare su un acquario più piccolo, ugualmente bello e dotato di potenziale decorativo.

Sono disponibili sul mercato anche vasche di 40-50 cm di larghezza, più agevoli da collocare in spazi ristretti. Si forniscono acquari di diverse misure proprio per venire incontro a tutte le possibili esigenze: in questo modo potrai godere del tuo personale angolo di natura senza troppi problemi.

Ovviamente il numero dei pesci varia a seconda delle dimensioni della vasca, in quanto essi hanno necessità di uno spazio vitale sufficiente a nuotare senza risultare ammassati tra loro.

Ricordati sempre di considerare le dimensioni dei pesci ADULTI, perché sai com’è, anche i pesciolini crescono e diventano grandi col passare del tempo.

In ogni caso, sia le vasche grandi sia quelle piccole sono progettate da esperti del settore, collaudate e utilizzabili in condizioni di completa sicurezza: anche con il passare del tempo risulteranno efficienti, longeve e resistenti alle comuni sollecitazioni.

Come vedi, non è complicato trovare un luogo ideale dove posiziona il tuo acquario.
Tieni sempre in considerazione questi concetti essenziali: tranquillità, praticità e discrezione.

Posiziona la vasca in un luogo tranquillo, dove tu possa effettuare tutte le operazioni di manutenzione in comodità e concedere l’opportuna discrezione ai tuoi pesci

pesciolino-tondo.png